Bacheca studentiFRAMMENTI. La musica e me

20 Dicembre 2023

Mercoledì 20 dicembre ore 19.30 Teatro Toniolo

FRAMMENTI. La musica e me
da un’idea di un gruppo di studenti e studentesse del Liceo “A. Rosmini” di Rovereto (TN)

“Frammenti – La musica e me” è uno spettacolo che porta alla scoperta della musica classica. È pensato soprattutto per il pubblico dei giovani, ma è apprezzato anche da un pubblico adulto che abbia voglia di giocare con questa materia a volte percepita cosi ostica e impegnativa!

In scena c’è un giovane attore, Sebastiano Bronzato: un ragazzo che ci racconta il suo rapporto con la musica, rapporto che potrebbe essere quello di chiunque sia seduto in sala. Scopriamo così che alcuni dei brani più celebri di tutto il repertorio “classico” lo hanno accompagnato nel corso della sua vita, e ancora lo accompagnano, più o meno casualmente, nella sua quotidianità. I brani sono interpretati dall’Orchestra Filarmonica Settenovecento, costituita da musicisti under 30.

“Frammenti” è la storia di vita di un ragazzo del 2023, ritratto nella sua quotidianità e velocità di relazione, nella sua vita “frammentata”, dove il tempo che passa non trova spazio per l’incontro con l’io interiore. A poco a poco, la frammentazione viene superata, in un percorso che va a scoprire l’io interiore accompagnato dall’ascolto di melodie celebri, che progressivamente si liberano dal loro rapporto forzato con la pubblicità e con gli angusti spazi ricavati nei ritagli di tempo del quotidiano.

Sono in scena

– un attore

– un’orchestra giovanile di 45 elementi, guidata da un direttore d’orchestra e composta da: 8 violini primi, 7 violini secondi, 4 viole, 3 violoncelli, 2 contrabbassi, 2 flauti (e ottavino), 2 oboi (e corno inglese), 2 clarinetti (e clarinetto basso), 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, 2 saxofoni, timpani, pianoforte

Durante lo spettacolo ascoltiamo

Edvard Grieg (1843-1907), Il mattino da Peer Gynt Suite n. 1 op. 46

Johann Pachelbel (1653-1706), Canone

Petr Il’ič Čajkovskij (1840-1893), Danza della Fata Confetto da Lo Schiaccianoci

Dmitrij Šostakovič (1906-1975), Waltz n. 2

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791), Allegro da Eine kleine Nachtmusik KV525

Ludwig van Beethoven (1770-1827), Sinfonia n. 5 op. 67

Lo spettacolo ha debuttato il 17 novembre 2022 a Rovereto davanti ad un Teatro Zandonai gremito per l’occasione; lo spettacolo e stato poi replicato a Vignola (MO) il giorno successivo. La reazione entusiasta del pubblico e delle scuole ha portato alla proposta del presente progetto, che vuole porre solide basi per un’esperienza strutturata nelle pratiche di divulgazione.

Alcune pillole dello spettacolo sono visibili sul video “Frammenti” al seguente link: https://www.youtube.com/@associazionefilarmonicadir9369/videos

UNO SPETTACOLO NATO DAI GIOVANI PER I GIOVANI

Durante l’a.s. 2019/2020, l’Associazione Filarmonica di Rovereto ha condotto “Connessioni Artistiche”, un percorso di Alternanza Scuola Lavoro che ha coinvolto 11 studenti e studentesse del Liceo “Rosmini” di Rovereto. Il progetto era imperniato attorno alle dinamiche della direzione artistica nella musica colta: cos’è per me la musica classica? Come scelgo un concerto che non piaccia solo a me ma ai miei compagni? È stato subito evidente come, generalmente, la conoscenza di questa musica sia superficiale: è “musica classica” quel frammento (5/10 secondi) che ho sentito alla pubblicità o in altri contesti indiretti, senza pormi il problema di chi sia il compositore o se questo frammento “famoso” sia inserito in un contesto più ampio (una sinfonia?). Il concerto ideale da proporre ai miei compagni è una collezione di “the best of”, frammenti di secondi degli estratti più conosciuti della musica classica. Partendo da queste non facili premesse, è stato coinvolto l’Atelier Elisabetta Garilli, che da anni opera nel campo della musica, della didattica e della divulgazione culturale, elaborando spettacoli, percorsi didattici e proposte culturali con lo scopo di costruire il pubblico di domani per l’arte e la cultura. La scelta dell’Atelier di coinvolgere due giovani professionisti teatrali come Sebastiano Bronzato e Athos Mion ha fatto sì che lo spettacolo sia interamente realizzato da giovani professionisti under 30.

A settembre 2022, in vista del debutto dello spettacolo, l’Associazione Filarmonica di Rovereto ha attivato un ulteriore percorso di Alternanza Scuola Lavoro con il Liceo “Rosmini”, coinvolgendo 11 studenti e studentesse nell’ideazione e nella realizzazione di una campagna di comunicazione per la promozione di “Frammenti” tra i loro coetanei. L’immagine scelta, poi realizzata dall’agenzia S-Catch di Chiara Marini (in allegato), è uno dei prodotti tangibili di questo stimolante lavoro.

Il progetto “Frammenti” è un progetto di rete che coinvolge 8 partner in 7 regioni del nord Italia: ha lo scopo di tracciare un percorso nell’ambito della divulgazione della musica classica. Vuole essere il primo passo per creare curiosità verso una materia ancora troppo spesso percepita come ostica, per indurre un’abitudine all’ascolto e una frequentazione dello spettacolo (musicale e non solo) dal vivo.

Durante lo spettacolo si terrà la breve sfida finale tra le due classi finaliste del percorso didattico al quale hanno preso parte 20 classi di vari istituti comprensivi della Città metropolitana di Venezia: la classe 3E della Scuola Giovanni Pascoli – IC Elisabetta Betty Pierazzo di Noale e la classe 3C della Scuola Di Vittorio – IC Leonardo Da Vinci di Mestre.

La classe vincitrice della sfida, che verterà sulla Sinfonia n. 5 op. 67 di Ludwig van Beethoven, riceverà una donazione di € 1.000,00 da parte dell’Associazione Amici della Musica di Mestre, da spendere in acquisto di libri e/o di materiale didattico

Biglietto €2,50. Docenti accompagnatori omaggio.

Biglietti in vendita presso la biglietteria del Teatro Toniolo, aperta tutti i giorni (escluso il lunedì) dalle 15.00 alle 19.00.

GLI ARTISTI

Sebastiano Bronzato attore, testo, regia

Nasce a Verona nel 1996. Attore, musicista e compositore, studia pianoforte presso il Conservatorio “Dall’Abaco” di Verona con Laura Cattaneo. Si diploma come attore alla Civica Scuola di Teatro “Paolo Grassi” nel 2018. Lavora con diverse realtà e figure artistiche, come Aleph Viola, Carrozzeria Orfeo, Teatro Distinto, Athos Mion, Servomuto Teatro, Ensemble Terramater, Maurizio Schmidt e Valentina Picello. Nel 2019 firma la sua prima regia all’interno della 71° edizione dell’Estate Teatrale Veronese con lo spettacolo Padre, figlio e spirito stanco. Ha composto le musiche per gli spettacoli La piazza di Fiammetta Perugi (2019), Hot –Chiamate in attesa con la regia di Clio Sacca (2019), Confabulazioni di Lorenzo Ponte (2018) e Alice, cara Grazia di Valentina Picello (2018). Il rapporto tra la musica e il teatro, il corpo e il ritmo fanno parte della sua sfera d’interesse e ricerca artistica.

Sebastiano De Salvo direttore d’orchestra

Nasce a Rovereto nel 1998. Diplomatosi con lode al Conservatorio di Trento in pianoforte (indirizzo maestro collaboratore) sotto la guida di F. Consoli e M. Lambertini, si è perfezionato con quest’ultimo presso la Belcanto Academy di Pergine Valsugana. Parallelamente ha iniziato lo studio della direzione d’orchestra con G. Guarino, frequentando al contempo corsi con I. Karabtchevsky, L. Shambadal, V. Parisi, S. Gorli e J. Salemkour. Sta concludendo a Trento, sotto la guida di C. Colazzo, gli studi di composizione, in parte seguiti in Germania con A. Herrmann e con M. Nawri per la parte di direzione. È attualmente iscritto al corso di laurea magistrale in Musicologia presso l’Universita di Bolzano. Dal 2018 ha diretto orchestre e gruppi strumentali come Bbrass, l’orchestra euroregionale Alpen Classica, l’Orchestra Fuoritempo, l’ensemble strumentale del Conservatorio di Trento, la Petit OFT e l’Orchestra Euthaleia, eseguendo numerosi concerti in Italia e all’estero. Ha diretto prime esecuzioni e collaborato con solisti di fama internazionale, fra i quali G. Andaloro, Y. Revich, M. Krenn, P. Gusnar, J. Hyde, F. Mondelci in festival come Alpen Classica, festival organistico di Schio, Euregio Saxophone Festival. Sue composizioni sono state eseguite in Italia e all’estero da MP Saxophone Quartet, Agorart Ensemble, Petit OFT, MotoContrario Ensemble e Nathan Plante, in rassegne come Festival Mondi Sonori, Religion Today filmfestival e Stiftung St. Matthaus di Berlino. Recentemente ha diretto l’ensemble CamerOpera nella prima assoluta dell’opera I vestiti nuovi dell’imperatore di P. Orlandi e l’Orchestra Euthaleia al SaxFest di Bressanone, alla presenza di solisti di caratura internazionale provenienti da tutta Europa.

Orchestra Filarmonica Settenovecento

Il progetto è un’innovativa esperienza nata nel 2018 per la produzione Balli Plastici Remix, dall’unione delle forze di Associazione Filarmonica di Rovereto e festival Settenovecento. L’idea alla base del progetto è quella di creare occasioni professionali di alto livello per giovani strumentisti, messi a confronto con realtà produttive significative, con compagnie e professionisti che operano a livello nazionale e internazionale e con linguaggi artistici anche altri rispetto a quello musicale. I giovani musicisti sono affiancati, nella preparazione e a volte nell’esecuzione, da strumentisti professionisti di solida caratura, che garantiscono il giusto trait-d’union tra freschezza e esperienza. Vengono così create esperienze lavorative regolarmente retribuite e con dinamiche organizzative e modalità di lavoro professionali che comunque prestano particolare attenzione alla dimensione di formazione orchestrale. La direzione artistica dell’orchestra e affidata a Klaus Manfrini, direttore artistico dell’Associazione Filarmonica di Rovereto, la quale si fa carico anche della componente organizzativa.

Athos Mion testo e regia

Dopo un’adolescenza discutibile in un liceo scientifico, Athos si innamora per la prima volta e decide di dedicarsi al mondo artistico. Durante il periodo universitario sviluppa una passione per lo studio del cinema e del teatro. La sua carriera come teorico viene interrotta dopo un secondo innamoramento e nel 2018 entra al corso di regia presso la Civica Scuola di Teatro “Paolo Grassi” di Milano. Personalità come Kathie Mitchell, Marco Plini, Maria Consagra, Giovanni Covini, Giampiero Solari, Tatiana Olear, Sabrina Sinatti, Manuel Renga segnano il suo percorso. Uno degli incontri più significativi è quello con il regista Fabio Cherstich, a cui fa da assistente in due allestimenti. Si è occupato delle regie di Kinky Margaret5 modi illegali di salvare il mondoMateriali per la morte della zia, progetto finalista del Premio Scenario 2021. Nel 2022 vince il premio “Nuove Regie” di Teatro i, per cui cura la mise en espace di Lamentazioni per San Siro di A. Dematte. Athos aspetta solo di innamorarsi nuovamente.

Elisabetta Garilli ideazione, testo e regia

Pianista e compositrice, vive a Verona. Diplomata in pianoforte, ha studiato composizione jazz, voce e tecniche di improvvisazione. Esperta in didattica musicale applicativa, con il suo progetto Disegnare Musica ha portato, tra il 1999 e il 2019, l’insegnamento della musica nelle scuole dell’infanzia e nelle scuole primarie in orario scolastico, coinvolgendo più di 10.000 bambini e bambine ogni anno. Tiene regolarmente corsi di formazioni in tutta Italia. È impegnata da oltre vent’anni nella divulgazione della musica come patrimonio universale di tutti e per tutti. Cura e realizza varie rassegne di spettacoli educational in collaborazione con artisti, orchestre e teatri di tutta Italia. È direttrice artistica del festival itinerante LibrOrchestra. Scrive racconti musicati per l’infanzia e cura per Carthusia Edizioni la collana “Musica disegnata e un po’ strampalata”. Fonda nel 2013 l’ensemble musicale Garilli Sound Project, impegnato nella ricerca fra illustrazione, parola e musica, in collaborazione con artisti di livello internazionale. Con lo spettacolo Tinotino Tinotina Tinotintintin nel 2018 ha vinto il Premio Rodari e il Premio Procida “Il mondo salvato dai ragazzini”. Dal 2020 è autrice Rizzoli Erickson per l’educazione musicale. Nel 2022 per Erickson ha pubblicato il volume La classe è un’orchestra.

Per informazioni:

ASSOCIAZIONE AMICI DELLA MUSICA DI MESTRE

tel. 0413127493

info@amicidellamusicadimestre.it