Fondo Conservatorio

Presentazione

Lo statuto del «Liceo Società Musicale» previde, sin dalle origini (1876), la creazione di una biblioteca. Il nucleo originario accolse le generose donazioni dei soci fondatori, musicisti, professionisti e dilettanti, e raffinati cultori in gran parte appartenenti alla borghesia e all’aristocrazia veneziana. Il patrimonio comprende manoscritti musicali, edizioni musicali d’uso e di pregio e volumi di letteratura musicologica. Tra le rarità, si annoverano l’unicum a stampa delle Pièces de clavessin di Élisabeth-Claude Jacquet de La Guerre (1666 –1729) e delle Suonate da camera a tre op. I di Antonio Vivaldi (G. Sala 1705). I manoscritti, di diversa provenienza, sono copie databili tra la metà del XVIII secolo e l’inizio del XIX. Tra questi, si segnalano le copie di alcune partiture di opere di Cimarosa, Paisiello e Rossini, talora coeve o di poco posteriori alle principes. Il Fondo comprende inoltre la ricca collezione riunita da alcuni componenti della famiglia veneziana Pascolato, che documenta la produzione musicale sacra cittadina dell’Ottocento, espressione dell’attività esecutiva della Società Filarmonica di Santa Cecilia e delle maggiori istituzioni religiose della città (Chiese, Ospedali, Oratori, Scuole).

Nell'immagine: Unicum dell’edizione Élisabeth Jacquet de La Guerre, Pièces de clavessin […] premier Livre, [Paris, 1687]
DOCUMENTI CONSULTABILI
In allestimento